relazioni-soddisfacenti-Vivi la vita che Desideri
Perché PNL? Per relazioni soddisfacenti!
marzo 23, 2017
Show all

4 storie straordinarie di coraggio e speranza

NICK Vujicic-Vivi la Vita che Desideri

A tutti è capitato di affrontare momenti difficili, momenti in cui la vita ti mette alla prova, o ti pone davanti degli ostacoli da superare. C’è chi è in grado di affrontare queste sfide con coraggio, chi tentenna ma non molla la strada della risalita e chi di fronte ad un principio di ostacolo si lascia travolgere e comincia a vedere tutto nero.

Vediamo insieme le prime 2 storie di persone straordinarie che per me rappresentano esempi assoluti di forza, coraggio e determinazione.

Nick Vujicic - Vivi la Vita che Desideri1) Nick Vujicic. Imparare a rialzarsi senza gambe né braccia

Nick Vujicic è un ragazzo australiano nato senza gambe né braccia. Quando è nato i genitori non si potevano capacitare della disgrazia che gli era capitata ma fecero del loro meglio per dare a Nick ogni opportunità.

All’età di 8 anni non riusciva a vedere un futuro luminoso di fronte a sé ed entrò in depressione, all’età di 10 anni tentò di suicidarsi.

Quando un giorno, leggendo un articolo sul giornale, venne a conoscenza della storia di un uomo con handicap che affrontava e superava ogni giorno, tra mille difficoltà e con grande coraggio, tutti i problemi che la vita gli poneva davanti.

Da quel giorno Nick iniziò a fronteggiare i suoi ostacoli fisici, cercando di sfruttare al massimo le sue limitate capacità. Ha imparato a scrivere usando le due dita del suo “piede” sinistro e un dispositivo speciale che si aggancia al suo grande alluce. Ha anche imparato ad usare un computer e a scrivere usando il metodo “punta tacco”, rispondere al telefono, radersi, surfare e tantissime altre cose.

Oggi Nick è diventato un motivatore per ragazzi che attraversano periodi difficili che non vedono una ragione per essere felici nella loro vita, e porta in giro per il mondo la sua storia per trasmettere il suo messaggio di speranza e incoraggiamento per aiutare a superare le difficoltà.

Ama la vita più di tante altre persone, è felicemente sposato ed ha avuto da poco un bambino. Nel 2009 è stato protagonista di un commovente e ispirante cortometraggio che si chiama Butterfly Circus, ti consiglio di guardarlo su youtube.

“Sogna in grande amico mio e non arrenderti mai.

Tutti facciamo degli errori, ma nessuno di noi è un errore. Affronta un giorno alla volta.

Abbraccia gli atteggiamenti positivi, le prospettive, i principi e le verità che condivido. Nick Vujicic”

Randy Pausch-Vivi la Vita che Desideri2) Randy Pausch. Ultima lezione: realizzare i sogni dell’infanzia

Randy Pausch è stato un professore di informatica all’Università di Carnegie Mellon in Pennsylvania.

Nel settembre del 2006 Pausch apprese di essere malato di cancro al pancreas, una malattia terminale. Il 18 settembre 2007 tenne una conferenza pubblica intitolata “The Last Lecture: Really Achieving Your Childhood Dreams” che divenne uno dei video più visti su YouTube.

Pausch tenne la sua “Last Lecture” in seguito ad una serie di lezioni in cui l’argomento era rispondere ad una precisa domanda “quale massima provereste a comunicare al mondo se sapeste di avere un’ultima possibilità di farlo?”.

Nel famoso discorso, Pausch parlò dei sogni che aveva da bambino, dell’importanza di sognare e della possibilità di realizzare i propri desideri.

«Non possiamo cambiare le carte che ci vengono servite, solo il modo in cui giochiamo la mano» con questa frase spiegò ai ragazzi l’importanza di non rinunciare mai a vivere, in un discorso pieno di umorismo e ottimismo.

Mostrò una lista dei suoi sogni d’infanzia: giocare nella lega nazionale di football, scrivere una voce della World Book Enciclopedia, sperimentare l’assenza di gravità, essere il Capitano Kirk, essere uno di quei tipi che vincono i pupazzi giganti al Luna Park e diventare uno degli imagineer della Disney (coloro che pianificano e realizzano le attrazioni dei parchi giochi).

“Ogni ostacolo, ogni muro di mattoni, è lì per un motivo preciso. Non è lì per escluderci da qualcosa, ma per offrirci la possibilità di dimostrare in che misura ci teniamo. I muri di mattoni sono lì per fermare le persone che non hanno abbastanza voglia di superarlo. Sono lì per fermare gli altri”. Randy Pausch

Scopri anche tu come tirare fuori la tua forza, il tuo coraggio e usare la speranza per vivere la vita che desideri. CLICCA QUI per saperne di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *